Contattaci !
Contattaci !
Ops, non siamo qui ora! Però ci farebbe piacere parlare con te! Perché non ci scrivi lo stesso?
OPPURE
richiedi una consulenza gratuita online
#iA, il Blog!

Under Armour vuole tornare ad essere presente nel mondo dello sport.

#iArticolo / aprile 2019

Un'armatura con cui proteggere i propri muscoli: questa è Under Armour oggi, il marchio "stelle e strisce” nato dall'idea geniale del giocatore di football Kevin Plank. A lui va il merito di aver trasformato la sua reale necessità in un progetto vincente: Plank reinventa i capi sportivi e sceglie tessuti che non trattengano più il sudore, che sia lui che i compagni versano copiosamente ad ogni allenamento. Questo tessuto rilascia il sudore all'esterno, permettendo allo sportivo di stare all'asciutto.

Non solo: oltre alla tipologia di filato, la grande novità sta nel design dei capi che “sostiene la muscolatura” contribuendo ad una maggiore performance. E in un'epoca in cui la performance è sempre più ambita (anche dai non atleti), un'azienda come Under Armour sbanca il botteghino.

A corredo di una linea di capi ed accessori realizzati con materie prime all'avanguardia c'è una comunicazione e un marketing in cui noi tutti ci riconosciamo: poco importa se ci infiliamo le scarpe e la t-shirt per andare in palestra una volta alla settimana o se invece andiamo a correre tutti i giorni! La verità è che ci piace essere al sicuro e protetti da questa armatura della quale è quasi un peccato liberarsi una volta terminato il nostro workout.

Alla storicità del marchio, Under Amour ha saputo aggiungere innovazione e quell'appeal grintoso che apprezza sia il weightlifter, che il giocatore di golf.

UNDER ARMOUR®: NEL MONDO

Le aree geografiche di riferimento sono il Nord America, il Canada e il Giappone che, grazie ad un accordo con un partner locale, registra oggi un fatturato intorno ai 250 milioni di dollari l'anno. Ma l'obiettivo è quello di diventare penetranti anche in altri mercati come l'Europa, in cui è stata aperta una filiale, ad Amsterdam, che controlla UK, Francia e Germania. Il gruppo negli altri Paesi opera attraverso distributori come ad esempio in Italia, dove dal 2008 Sportbox distribuisce Under Armour® e dove nel 2013 ha registrato ricavi per oltre 7 milioni di euro.

FONTE DALL'ARTICOLO SU: http://www.run4food.it/under-armour-sul-palcoscenico-dello-sportswear-mondiale/

Condividi questo articolo sui social
Torna al blog Torna sopra
Seguici su Facebook
Seguici su Instagram
Archivio Blog